logo - vai alla home page

Fondazione Serughetti
Centro Studi e Documentazione La Porta


viale Papa Giovanni XXIII, 30  IT-24121 Bergamo
telefono +39 035219230 
info@laportabergamo.it



mappa del sito
  chi siamo   
contatti  
audio mp3
servizi    
documentazione   
banca dati 
comunicazioni
notiziario
  chi siamo
  mission
  il nostro statuto
  la nostra storia
  con chi collaboriamo
  organigramma
  risorse umane
  risorse finanziarie
  la nostra sede
la nostra storia

La Fondazione Serughetti Centro Studi e Documentazione La Porta nasce nel 1989 per volontà di Giovanni, Virginia ed Enrico Serughetti che mettono a disposizione le risorse economiche necessarie a consolidare e garantire continuità alle attività avviate dal 1979 dall'Associazione La Porta.

In questa pagina ci presentiamo attraverso le iniziative che abbiamo realizzato nell'arco di venticinque anni, sia come Associazione che come Fondazione.
La sua lettura darà conto di come abbiamo tradotto nella pratica la nostra idea del "fare cultura", degli strumenti organizzativi che abbiamo privilegiato, delle linee di riflessione che abbiamo proposto e delle collaborazioni che abbiamo intrecciato.
Per non appesantire troppo la pagina abbiamo riportato le iniziative più significative, sufficienti, tuttavia, a far emergere i percorsi principali sui quali si è articolata la nostra attività
  • La politica, le sue parole chiave, le sue forme, i diversi soggetti coinvolti, le questioni di attualità con particolare attenzione alle realtà locali
  • La riflessione biblico-teologica articolata sempre in prospettiva ecumenica, con uno sguardo attento al dialogo tra le religioni e un'attenzione particolare alla cultura ebraica
  • L'approfondimento storico come percorso di recupero della memoria e di consapevolezza per il presente
  • Temi all'incrocio tra i diversi saperi e linguaggi: scientifico, etico, religioso, antropologico …
  • L'etica nel suo intreccio con la vita quotidiana, le relazioni interpersonali, i contesti collettivi
  • I saperi delle donne, la soggettività femminile, le relazioni di genere
  • L'arte e i suoi legami con i processi culturali, sociali e storici

1979 - Associazione La Porta e primo anno di iniziative
Si costituisce a Bergamo l'associazione Centro Studi e Documentazione La Porta, frutto dell'incontro di un gruppo di cristiani di sinistra, appartenenti alle comunità di base, impegnati nel sindacato e nei partiti.
L'associazione nasce anche grazie al contributo di Giovanni Serughetti che mette a disposizione oltre a risorse economiche, un appartamento nel pieno centro della città, tuttora sede delle attività.
Il primo consiglio dell'Associazione si riunisce il 27 marzo 1979 ed è composto da: Carmine Acerbis, Giuseppe Bailo, Gabriele Benvenuto, Giuseppe Berta, Giorgio Caprioli, Maurizio Cremaschi, Roberto Cremaschi, Pierangelo Ferrari, Carlo Fornoni, Gian Gabriele Vertova e Giovanni Serughetti, presidente.
La prima iniziativa della nuova associazione è di alto livello. Padre Ernesto Balducci tiene in maggio la conferenza inaugurale su La Chiesa e il mondo dal Concilio ad oggi. Nel corso del primo anno di attività vengono organizzati due cicli di incontri: Introduzione all'ambiente della Bibbia e Chiesa e politica nell'insegnamento del Vaticano II.Iniziano le pubblicazioni dei "Quaderni della Porta".
Il primo quaderno riporta la trascrizione della conferenza di Balducci, ha una veste grafica povera, sono pochi fogli ciclostilati e pinzati. vai all'inizio della pagina

1980 - 1984
Il 1980 è un anno di grande lancio dell'attività, vengono organizzate ben 50 iniziative: cicli di incontri rivolti agli studenti, seminari su problemi internazionali … Viene stipulata la Convenzione con il Ministero della Difesa per l'impiego di obiettori di coscienza in servizio civile. Negli anni successivi molti giovani svolgeranno il loro servizio presso il Centro La Porta, come verrà sempre chiamata l'associazione. La convenzione dura fino al 1988.vai all'inizio della pagina

1981  -  Con l'organizzazione del ciclo di incontri Il movimento operaio e contadino a Bergamo inizia la collaborazione con l'Istituto Bergamasco per la storia del Movimento di Liberazione (ora ISREC) che sarà sempre uno dei partner più stabili.

1982  -  Dopo impegnativi lavori di ristrutturazione la sede viene adeguata alle crescenti necessità: un'ampia sala conferenze che successivamente verrà dotata di attrezzature audio e video e alcuni uffici, tra cui una sala destinata a biblioteca. Il Centro La Porta comincia a occuparsi di carcere con il ciclo di incontri Terrorismo e perdono. Da questa iniziativa, l'anno successivo, nascerà il Comitato Carcere e Territorio, uno dei molti frutti del lavoro costante di intreccio e collaborazione che l'associazione costruisce in città. vai all'inizio della pagina

1983  -  Esce il primo numero del notiziario, inizialmente come supplemento a Lettere circolari nella e sulla Chiesa di Bergamo, dal 1984 come testata autonoma. Anche il notiziario è molto povero: pochi fogli ciclostilati e pinzati. Due incontri su La teologia femminista aprono un settore di studio e di riflessione che caratterizzerà il lavoro futuro dell'associazione.vai all'inizio della pagina

1984  -  Con il ciclo di incontri La legge 180 sei anni dopo nasce il Comitato Psichiatria e Territorio.


1985 - 1989
1985  -  La rivista Idoc pubblica gli atti del Convegno nazionale Salvezze e futuri organizzato a Bergamo dal Centro La Porta in collaborazione con la rivista quindicinale Com-Nuovi Tempi. vai all'inizio della pagina

1986  -  Nasce il Comitato per l'abolizione delle barriere architettoniche di cui l'associazione tra i più attivi sostenitori e che continua la sua attività tutt'oggi.

1987  -  A Sulzano dall'11 al 13 settembre si tiene il primo convegno residenziale organizzato dall'associazione. La laicità è il titolo e la parola-chiave che guida l'elaborazione culturale del gruppo dirigente in questi anni.

1988  -  Con il primo Check up alla città organizzato da undici associazioni e circoli culturali cittadini, il Centro La Porta consolida il suo interesse per la politica cittadina che si esprimerà in varie forme negli anni successivi. Tra i consiglieri dell'associazione si contano numerosi amministratori locali, sia del capoluogo che dei comuni della provincia.vai all'inizio della pagina


1989  -  Il ciclo di otto incontri La tradizione ebraica e la cultura dell'Occidente, organizzato con il contributo e il patrocinio del Comune di Bergamo, vede una notevole partecipazione di pubblico. L'ebraismo e la Shoah saranno anche negli anni successivi temi forti delle attività dell'associazione. Per volere di Giovanni e Virginia Serughetti nasce la



FONDAZIONE SERUGHETTI
CENTRO STUDI E DOCUMENTAZIONE LA PORTA


E' presidente Giovanni Serughetti che nomina, ai sensi dello Statuto, 14 membri del Consiglio di Amministrazione.
La Fondazione - che è dotata di un patrimonio immobiliare e in titoli (il fondo sarà arricchito negli anni successivi con un'ulteriore donazione della famiglia Serughetti) - si pone in continuità con l'Associazione, ne eredita il patrimonio e ne assume gli scopi statutari.
Resta viva - con nome leggermente modificato - l'Associazione La Porta che raccoglie un numero consistente di soci e socie che sostengono e condividono le attività della Fondazione.
Il primo consiglio della Fondazione è costituito da Rocco Artifoni, Giuseppe Bailo, Gabriella Cremaschi, Roberto Cremaschi, Carlo Fornoni, Eros Gambarini, Carlo Leidi, Ivo Lizzola, Luciano Ongaro, Silvio Pacati, Angelo Pagani, Carmen Plebani, Daniele Rocchetti, Gian Gabriele Vertova e dal presidente Giovanni Serughetti. Cinque dei consiglieri appartengono al primo consiglio dell'Associazione; gli altri si sono venuti aggregando col tempo.vai all'inizio della pagina


1990 - 1994
1990  -  Viene stipulata una Convenzione con il Comune di Bergamo grazie alla quale la biblioteca della Porta entra a far parte della rete del Servizio Bibliotecario Urbano (SBU).

1992  -  Con il ciclo di incontri Dalla illusione della scoperta alla realtà della conquista, nasce e si presenta in pubblico il Comitato 500 anni dalla conquista dell'America, un'altra delle reti in cui la Fondazione ha avuto un ruolo significativo
1993  -  La Fondazione aderisce al Comitato Nazionale Bibbia Cultura Scuola, partecipa ai lavori dei suoi organismi nazionali e organizza anche a livello locale iniziative di sensibilizzazione a un approccio culturale al testo biblico. vai all'inizio della pagina


1995 - 1999
1995  -  Nasce anche su impulso di donne della Fondazione la Convenzione delle Donne di Bergamo, che raccoglie donne appartenenti a gruppi e aree diverse e organizza iniziative di approfondimento. Gian Gabriele Vertova, vicepresidente della Fondazione, diventato vicesindaco del Comune di Bergamo, si dimette dalla carica nella Fondazione. Il presidente Giovanni Serughetti nomina Roberto Cremaschi nuovo vicepresidente.vai all'inizio della pagina

1996  -  La Fondazione aderisce a Banca Etica La Fondazione è tra gli animatori e offre la sua sede per la nascita del Forum del Terzo Settore che raccoglie più di venti associazioni che operano nel Terzo Settore a Bergamo In dicembre, la Fondazione organizza il suo primo viaggio culturale. Sono 26 le persone che partecipano all'iniziativa Quest'anno a Gerusalemme. Viaggio in Israele e in Palestina. Sulla scorta dell'esperienza positiva verrà organizzato nel 1997 un secondo viaggio in Israele, nel 1998 un viaggio ad Auschwitz, nel 2002 in Turchia.vai all'inizio della pagina

1997  -  Grazie al nuovo contributo versato dalla famiglia Serughetti, la Fondazione può dotarsi di un minimodi struttura stabile di coordinamento e di segreteria. La Fondazione è tra i soci della cooperativa che edita il periodico quindicinale Settegiorni a Bergamo e altrove. Dal 1999 al 2001 il notiziario della Fondazione esce anche come inserto del periodico.

1998  -  La sede della Fondazione viene nuovamente ristrutturata ed assume l'attuale configurazione, più adeguata alle necessità ed alle norme.

1999  -  Tra associazione e Fondazione, si compiono vent'anni: per l'occasione viene organizzato il convegno Del fare cultura: sapere, raccontare, coltivare la vita. Si avvia il progetto Una parete per l'arte:gli artisti bergamaschi hanno a disposizione la parete d'ingresso della sala della Fondazione per esporre una loro opera. Nei primi tre anni sono state esposte venti opere. Si firma la Convenzione con il Centro Servizi Bottega del Volontariato per la costituzione all'interno della Biblioteca della Porta del settore specializzato Biblioteca del volontario, gestito dalla Fondazione.vai all'inizio della pagina



2000 - 2003
2000  -  Roberto Cremaschi si dimette da vicepresidente per impegni di lavoro. Gian Gabriele Vertova, non più vicesindaco, torna a coprire la carica di vicepresidente

2001  -  La Fondazione organizza, con la collaborazione di Nord Sud e il contributo del Comune di Bergamo, la mostra GULag: Il sistema dei lager in URSS. Visitata da circa 20.000 persone, e accompagnata da un ciclo di incontri, la mostra è l'evento più impegnativo che la Fondazione abbia organizzato nella sua storia.

2002  -  La Fondazione pubblica il suo primo Bilancio sociale, un ampio documento che coniuga il bilancio economico e la valutazione dell'efficacia delle attività intraprese dalla Fondazione.

2003  -  Grazie anche ai contributi dalla Fondazione della Comunità Bergamasca e dalla Provincia prende avvio il progetto di comunicazione Volontari competenti rivolto al volontariato bergamasco. Un finanziamento della Regione Lombardia permette di completare la catalogazione di tutto il patrimonio della biblioteca, oggi consultabile via Internet. vai all'inizio della pagina


 
1979
Associazione La Porta

1980 - 1984

1985 - 1989

Fondazione Serughetti
Centro Studi e Documentazione
La Porta

1990 - 1994

1995 - 1999

2000 - 2003
logo - vai alla home page Fondazione Serughetti - Centro Studi e Documentazione La Porta © 2004
viale Papa Giovanni XXIII, 30 - 24121 Bergamo    tel +39 035219230
 info@laportabergamo.it
 credits